Ad ogni tetto la sua impermeabilizzazione!

Un tetto perfettamente funzionale dovrebbe essere costituito da un rivestimento superficiale, uno strato di impermeabilizzante, l’isolante termico, il massetto pendente e una barriera antivapore. Negli anni, però, le fitte piogge possono causare un cedimento dello strato impermeabilizzante, consentendo l’insidiarsi di infiltrazioni d’acqua, e allora è il caso di intervenire per il suo ripristino. Per impermeabilizzare il tetto ad oggi esistono diversi sistemi specifici, ognuno con vantaggi e svantaggi, da scegliere in relazione alle esigenze dell’edificio, sia di nuova costruzione che già esistente.

Vantaggi-dell-impermeabilizzazione-del-tetto-della-tua-casa

Come impermeabilizzare nella maniera adeguata la copertura della tua abitazione?

Ecco alcune delle soluzioni da poter utilizzare:

1.Membrane bituminose: ampiamente utilizzate per impermeabilizzare tetti e terrazze, derivano dalla distillazione del petrolio, sono prefabbricate e richiedono l’applicazione di una protezione superficiale quale la pavimentazione. Per la posa delle tradizionali membrane bituminose si utilizza la fiamma libera.

2.Membrane polimeriche: di solito prefabbricate, non contengono bitume o ne contengono in minima percentuale, sono meno diffuse rispetto alle guaine bituminose. Si distinguono a seconda della composizione, possono essere armate oppure no, con relative differenze nella calpestabilità.

Tra i principali vantaggi, vi è la buona resistenza meccanica e la grande elasticità che consente l’assorbimento di escursioni termiche e di movimenti o assestamenti vari.

come-impermeabilizzare-tetto

3.Membrane autoadesive: possono essere bituminose e non, ma hanno la caratteristica di incollarsi al piano di posa grazia a una semplice pressione a temperatura ambiente, senza fiamma. Si tratta, infatti, di un sistema a freddo.

4.Membrane autoprotette e ardesiate: le membrane autoprotette sono quelle che vengono lasciate a vista, visto il manto superficiale che protegge la membrana da intemperie e raggi UV. Quelle ardesiate, più costose, si distinguono per uno strato di rivestimento in rame o alluminio.

5.Impermeabilizzazioni liquide: ampiamente versatili, perché a differenza delle membrane prefabbricate, sono più pratiche da applicare e capaci di agire su tutta la superficie, senza lasciare punti scoperti. Resistenti ai ristagni d’acqua e ai raggi UV, alle intemperie e ai cicli di gelo e disgelo sono prodotti innovativi e sempre efficaci.

Per la garanzia di un tetto sempre funzionali, rivolgiti a noi di Tonelli Ecology: siamo specializzati in costruzione e ristrutturazione tetti e coperture, con interventi di impermeabilizzazione di qualsiasi tipo!

guaina-copertura-casa