Impermeabilizzazione a freddo tetto e terrazzo.

L’impermeabilizzante ha un ruolo molto importante quando si parla del tetto, del terrazzo o del balcone della propria casa. Serve, infatti, a impedire il passaggio dell’acqua negli strati sottostanti. Per questo motivo, lo strato impermeabilizzante deve possedere elevate caratteristiche prestazionali, in quanto non solo deve garantire l’impermeabilità, ma deve anche aumentare la durabilità della struttura assecondandola nelle sue deformazioni.

Quando si agisce su edifici esistenti, infatti, prima di procedere alla scelta dell’impermeabilizzante è necessario verificare lo stato di conservazione dei supporti sui quali si andrà ad intervenire. In base ai risultati delle verifiche si potrà scegliere la tipologia di intervento, il materiale e la tecnica di impermeabilizzazione.

Inoltre, nelle impermeabilizzazioni, più che in ogni altro settore, è importante non trascurare la posa, che deve essere meticolosa e deve garantire la continuità anche in punti quali gli attacchi della ringhiera, gli scarichi, le canalette, i raccordi tra verticale ed orizzontale, i giunti e gli altri punti critici.

E’ sempre bene, perciò, che se ne occupi una ditta specializzata, attraverso l’apporto di personale qualificato e l’utilizzo di materiali di qualità, così che l’intervento risulti efficiente e durevole nel tempo.

Tonelli Ecology ha esperienza decennale nel settore ed esegue interventi di impermeabilizzazione con diverse tecniche e materiali. Vediamo quali sono i metodi di impermeabilizzazione a freddo.

Guaina-bituminosa-per-impermeabilizzazione-a-freddo-tetto

Guaine adesive.

Le guaine adesive, bituminose e non, si incollano al piano di posa per semplice pressione a temperatura ambiente, senza la necessità di fiamma. Di conseguenza è un sistema a freddo in cui la posa avviene con modalità e precauzioni simili a quelle delle membrane con incollaggio a caldo. E’ indicata per l’impermeabilizzazione di terrazzi e coperture calpestabili e non, per nuove costruzioni o ristrutturazioni.

I vantaggi:

  • Rischio di scivolamento ridotto al minimo
  • Efficacie nel lungo periodo
  • Ottima adesione al supporto
  • Applicazione a freddo e senza fiamma
  • Facilità di messa in opera
  • Flessibile, resiste ai movimenti di assestamento e ritiro della struttura
  • Spessore controllato
posa-guaina-adesiva

Membrane autoprotette ed ardesiate.

Le membrane autoprotette sono quelle in cui è possibile che lo strato impermeabile venga lasciato “a vista”, ovvero esposto agli agenti atmosferici. Per resistere alle intemperie e ai raggi UV sono composte da un manto superficiale capace di proteggere la membrana. Lo strato di protezione può essere ardesiato o con lamiere di rame o alluminio. E’ indicata per l’impermeabilizzazione di coperture non calpestabili, per nuove costruzioni o ristrutturazioni.

I vantaggi:

  • Autoprotetta
  • Riduce l’assorbimento del calore
  • Applicazione a freddo
  • Facilità di messa in opera
  • Spessore controllato
  • Copertura a vista
guaina-bituminosa-terrazzo